Rimani informato sulle novità del settore per conoscere per primo procedure e normative

Iscriviti alla newsletter



Consulenza Ambiente & Rifiuti

Soluzioni Compliance Ambientale

Sentenza 11390 – Produttore e obbligo di classificazione rifiuti

Con la recentissima sentenza n. 11390 del 19/03/2024 la Corte di Cassazione III Sezione Penale ha confermato quanto già affermato dalla Corte di Giustizia Europea nella sentenza del 28 Marzo 2019 in tema di classificazione di rifiuti.

Il detentore di un rifiuto di cui non sia immediatamente nota la composizione potenzialmente pericolosa ha l’onere di raccogliere le informazioni valevoli all’acquisizione di sufficienza conoscenza di tale composizione, così da attribuire al rifiuto il codice appropriato, non essendo consentite scelte arbitrarie circa la modalità di qualificazione del rifiuto e l’accertamento della due pericolosità.

Questa sentenza quindi va a rimarcare quanto in realtà già noto ed esplicitato (visto che sembrava ce ne fosse il bisogno) con le modifiche apportate al D.Lgs. 152/2006 dal D.Lgs. 116/2020: Le responsabilità inerenti la classificazione dei rifiuti ricadono sul Produttore/Detentore e tali responsabilità non sono delegabili.

Ancora oggi, purtroppo, ci troviamo spesso di fronte a situazioni nelle quali il Produttore non sa cosa sia una classificazione e caratterizzazione del rifiuto convinto che la semplice attribuzione del codice EER al rifiuto, anche solo per “sentito dire” sia sufficiente per garantire la compliance normativa.

Al contrario però è necessario prendere coscienza che la classificazione e la caratterizzazione dei rifiuti è il punto di partenza per una corretta gestione dei rifiuti. Se conosciamo bene i nostri rifiuti, la loro composizione, la loro natura, i processi dai quali derivano, quali sono le eventuali caratteristiche di pericolo, siamo in grado di gestire correttamente il deposito temporaneo e la successiva individuazione dell’impianto di destino presso il quale il rifiuto dovrà essere conferito.

Ribadiamo ancora una volta, come se ce ne fosse bisogno, che i Produttori di rifiuti devono prendere coscienza delle proprie responsabilità. Sicuramente il supporto degli operatori di settore, con più esperienza, potrà essere lodevole ed in alcuni casi prezioso, ma non possiamo, nemmeno per un momento, dimenticare che la responsabilità della scelta finale del corretto codice EER da attribuire ai rifiuti, con tutte le conseguenze che ne derivano, è una precisa responsabilità posta dal legislatore in capo al Produttore (Art. 188 – Responsabilità della gestione dei rifiuti e art. 184 comma 5 – classificazione).

La sentenza è inoltre degna di nota in quanto coinvolge a pieno titolo anche l’ingiusto profitto derivante dal non dover sopportare i costi dovuti ordinariamente per il corretto smaltimento in discarica o per il recupero dei rifiuti presso strutte autorizzate.  Come già evidenziato nei nostri precedenti articoli, le sanzioni del D.Lgs. 152/2006 si affiancano a quelle derivanti dal D.Lgs. 231/01 in materia di responsabilità amministrativa delle organizzazione, anche non dotate di personalità giuridica.

Visita la nostra sezione “Servizi” e verifica ora come Ambiente&Rifiuti può supportarti nel raggiungimento della compliance normativa.

Ambiente & Rifiuti - Consulenza Tecnica per la gestione dei Vostri Rifiuti
ti potrebbero interessare...
Nuovi reati ambientali – in arrivo la Direttiva

Nuovi reati ambientali – in arrivo la Direttiva

E’ in arrivo la nuova Direttiva Europea sui reati ambientali che andrà ad allargare il catalogo dei reati “qualificati” e rendere più aspre le sanzioni. Quali sono i rischi per gli amministratori ed i soggetti apicali aziendali?

leggi tutto

ARTICOLI RECENTI

Sentenza 11617 del 20 marzo 2024 – solidarietà della filiera

Tutti i soggetti della filiera rispondono in modo solidale in caso di scorretta gestione dei rifiuti. E’ quanto ribadito nella Sentenza della Corte di Cassazione n.11617 del 20 marzo 2024 che ribadisce l’obbligo di controllo a monte e a valle della filiera.

Nuovi reati ambientali – in arrivo la Direttiva

E’ in arrivo la nuova Direttiva Europea sui reati ambientali che andrà ad allargare il catalogo dei reati “qualificati” e rendere più aspre le sanzioni. Quali sono i rischi per gli amministratori ed i soggetti apicali aziendali?

Rettifica Regolamento Batterie (UE) 2023/1542

Pubblicata sulla GUE del 27/04/2024 la rettifica al regolamento batterie 2023/1542. Il Regolamento Batterie è entrato in vigore a Febbraio 2024 e sostituisce il D.Lgs. 188/08 che abbiamo utilizzato come riferimento fino ad oggi.

CATEGORIE

gestione rifiuti novità normative in evidenza tutte le categorie