Rimani informato sulle novità del settore per conoscere per primo procedure e normative

Iscriviti alla newsletter



Consulenza Ambiente & Rifiuti

Soluzioni Compliance Ambientale

Nuovo Regolamento EoW inerti in arrivo

In data 26 Giugno 2024 è stato firmato dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica il nuovo Regolamento dedicato al tema dell’End of Waste dei rifiuti da costruzioni e demolizione.

Quando sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale andrà a stabilire i nuovi parametri di base ai quali gli operatori del settore dovranno adeguarsi al fine di poter classificare come End of Waste  i rifiuti inerti, da costruzione e demolizione in uscita dalle operazioni di recupero svolte all’interno degli impianti di trattamento autorizzati.

Questi End of Waste saranno prodotti a tutti gli effetti, cessando la qualifica di rifiuto, e potranno essere commercializzati come nuovi prodotti che andranno a sostituire le materie prime vergini.

Il nuovo regolamento giunge al termine di un processo lungo e tortuoso di revisione del decreto 152/2022, in vigore dal 4 Novembre 2022, molto contestato degli operatori del settore per la sua natura troppo restrittiva.

Sembrerebbe che il nuovo Regolamento, frutto di un confronto tra MASE, ISPRA ed operatori del settore dovrebbe aver superato le numerose criticità.

Sebbene dal punto di vista normativo sia necessario avere un perimetro all’interno del quale muoversi quando parliamo di riciclaggio e recupero dei rifiuti, dal punto di vista operativo, nel pieno rispetto dei principi ispiratori delle direttive europee, il perimetro descritto dalla norma non può essere così stringente da rendere impossibile o antieconomico procedere allo svolgimento delle operazioni di riciclaggio. Come sempre è necessario che vi sia alla base un confronto tra legislatore e stakeholder al fine di individuare la strada migliore, ed ambientalmente compatibile, da percorrere per il raggiungimento del risultato finale.

Al contrario si rischierebbe:

  • Blocco della filiera
  • Incapacità concorrenziale dell’Italia rispetto agli altri paesi Europei

Questi due rischi, in un periodo storico come quello che stiamo vivendo, non possono palesarsi all’orizzonte se davvero si vuole un rilancio economico ed ambientale del nostro paese.

Infatti, nonostante il nuovo Regolamento vada nella direzione auspicata dagli operatori, ci sono ancora una serie di dettagli sui quali si deve lavorare.

“Confidiamo che nel periodo dei 24 mesi previsti per il monitoraggio, sulla base delle ulteriori evidenze che insieme alle altre associazioni di categoria del settore presenteremo al Ministero, sia possibile porre rimedio anche alle ultime evidenti incongruenze contenute nel decreto e che rischiano di vanificare il lavoro svolto dal MASE in collaborazione con le associazioni” ha auspicato ANPAR.

Ambiente & Rifiuti - Consulenza Tecnica per la gestione dei Vostri Rifiuti
ti potrebbero interessare...
Nuovi reati ambientali – in arrivo la Direttiva

Nuovi reati ambientali – in arrivo la Direttiva

E’ in arrivo la nuova Direttiva Europea sui reati ambientali che andrà ad allargare il catalogo dei reati “qualificati” e rendere più aspre le sanzioni. Quali sono i rischi per gli amministratori ed i soggetti apicali aziendali?

leggi tutto
Rettifica Regolamento Batterie (UE) 2023/1542

Rettifica Regolamento Batterie (UE) 2023/1542

Pubblicata sulla GUE del 27/04/2024 la rettifica al regolamento batterie 2023/1542. Il Regolamento Batterie è entrato in vigore a Febbraio 2024 e sostituisce il D.Lgs. 188/08 che abbiamo utilizzato come riferimento fino ad oggi.

leggi tutto

ARTICOLI RECENTI

CATEGORIE

gestione rifiuti novità normative in evidenza tutte le categorie