Rimani informato sulle novità del settore per conoscere per primo procedure e normative

Iscriviti alla newsletter



Consulenza Ambiente & Rifiuti

Soluzioni Compliance Ambientale

Nuovo Registro Informatico Nazionale PFU – DM n.147/2024

Introduzione

Il 2024 segna un anno cruciale per la gestione ambientale in Italia con l’adozione del decreto ministeriale che istituisce il Registro informatico nazionale dei produttori e importatori di pneumatici. Questo decreto, firmato dal Ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica, On. Gilberto Pichetto Fratin, rappresenta un passo significativo verso una gestione più efficiente e trasparente degli pneumatici fuori uso (PFU), in linea con le normative europee e nazionali.

Contesto Normativo

Il decreto si inserisce in un quadro normativo complesso che include diverse leggi e decreti precedenti. Tra questi, la legge 8 luglio 1986, n. 349, la legge 23 agosto 1988, n. 400 e la legge 29 dicembre 1993, n. 580 che regola l’ordinamento delle camere di commercio. Importante anche il decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152, che regole le “Norme in materia ambientale”.

Finalità del Decreto

L’istituzione del Registro Pneumatici mira a migliorare la gestione degli PFU, facilitando il monitoraggio e il controllo delle attività dei produttori e importatori di pneumatici soggetti agli obblighi di gestione degli pneumatici fuori uso. Il Registro è integrato nel Registro nazionale dei produttori, come previsto dall’articolo 178-ter del decreto legislativo n.152 del 2006, e ha l’obiettivo di garantire la tracciabilità e la responsabilizzazione di tutti i soggetti coinvolti nel ciclo di vita degli pneumatici.

Modalità di Iscrizione e Obblighi

Il decreto specifica le modalità operative per l’iscrizione al Registro Pneumatici. Tutti i produttori e importatori di pneumatici, italiani ed esteri operanti sul territorio nazionale, devono iscriversi entro sessanta giorni dalla comunicazione dell’apertura delle iscrizioni (al momento non ancora comunicata), utilizzando il portale telematico messo a disposizione dalle Camere di Commercio. Anche i neo-operanti devono iscriversi contestualmente all’inizio della loro attività.

Le informazioni richieste al momento dell’iscrizione includono i dati anagrafici e le modalità di gestione degli PFU. I soggetti non aventi sede legale in Italia possono iscriversi tramite un rappresentante autorizzato. È inoltre obbligatorio comunicare tempestivamente ogni variazione dei dati o la cessazione dell’attività entro 30 giorni dall’avvenuta variazione.

I soggetti obbligati comunicano al Registro Pneumatici le informazioni richieste tenendo conto dei requisiti e delle tempistiche indicati nel DM n.182 del 2019:

  • Quantità immesse sul mercato ed esportate: comunicazione annuale entro il 31/1 (All. III del DM 182/2019)
  • Quantità di PFU gestite: comunicazione annuale entro il 31/5 (All. IV del DM 182/2019)
  • Quantità di PFU raccolte: comunicazione annuale entro il 31/5 (All. VII del DM 182/2019)
  • Contributi ambientali applicati: comunicazione annuale entro il 31/10 (All. VIII del DM 182/2019)
  • Contributi ambientali mensili versati e trasferiti alla forma associata di gestione
  • Comunicazione andamento attività.

Oneri e Tariffe

Per coprire i costi della gestione del Registro Pneumatici, le Camere di Commercio determineranno una tariffa basata sul costo effettivo del servizio reso. Questa tariffa sarà proporzionale alla quantità di pneumatici immessi sul mercato da ciascun produttore o importatore. Le modalità di calcolo e di versamento della tariffa saranno pubblicate sul sito del Registro Pneumatici e aggiornate ogni tre anni. La tariffa è versata dai soggetti obbligati al momento dell’iscrizione al Registro Pneumatici e, successivamente, entro il 31 gennaio di ogni anno, contestualmente alla presentazione della comunicazione.

Informazione al Pubblico e Accesso ai Dati

L’elenco delle imprese iscritte al Registro Pneumatici sarà pubblicato online, includendo dati identificativi e informazioni sulla gestione scelta. Unioncamere si occuperà della predisposizione e pubblicazione di raccolte statistiche a partire dai dati comunicati al Registro. Le Camere di Commercio metteranno a disposizione del Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica e dell’ISPRA le informazioni raccolte, garantendo l’interconnessione con altri registri e banche dati rilevanti.

Scarica qui il DM n.147/2024

Ambiente & Rifiuti - Consulenza Tecnica per la gestione dei Vostri Rifiuti
ti potrebbero interessare...
Nuovi reati ambientali – in arrivo la Direttiva

Nuovi reati ambientali – in arrivo la Direttiva

E’ in arrivo la nuova Direttiva Europea sui reati ambientali che andrà ad allargare il catalogo dei reati “qualificati” e rendere più aspre le sanzioni. Quali sono i rischi per gli amministratori ed i soggetti apicali aziendali?

leggi tutto

ARTICOLI RECENTI

Nuovo Regolamento EoW inerti in arrivo

E’ in arrivo il nuovo Regolamento EoW per i rifiuti inerti da Costruzione e demolizione che richiederà agli operatori di adeguare i propri processi di recupero

CATEGORIE

gestione rifiuti novità normative in evidenza tutte le categorie