Rimani informato sulle novità del settore per conoscere per primo procedure e normative

Iscriviti alla newsletter



Consulenza Ambiente & Rifiuti

Soluzioni Compliance Ambientale

Legge 9 Ottobre 2023 n. 137 – Aumento sanzioni per reati ambientali

Pubblicato il 10 Ottobre 2023

Con l’entrata in vigore della legge 9 Ottobre 2023 n. 137 (di conversione del decreto-legge 10 Agosto 2023 n. 105 recante “Disposizioni urgenti in materia di processo pensale, di processo civile, di contrasto agli incendi boschivi, di recupero dalle tossicodipendenze, di salute e di cultura, nonché in materia di personale della magistratura e della pubblica amministrazione”) vengono apportate importanti modifiche sia al D.Lgs. 152/2006 che al codice penale. In particolare, la legge apporta una serie di novità in tema sanzionatorio che è necessario tenere ben presenti:

La sanzione applicata per l’abbondono di rifiuti commesso da privati passa da sanzione amministrativa a ammenda penale Art. 255 comma 1 D.Lgs. 152/2006 così come modificato:

Fatto salvo quanto disposto dall’articolo 256, comma 2, chiunque, in violazione delle disposizioni degli articoli 192, commi 1 e 2, 226, comma 2, e 231, commi 1 e 2, abbandona o deposita rifiuti ovvero li immette nelle acque superficiali o sotterranee è punito con l’ammenda da mille euro a diecimila euro. Se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la pena è aumentata fino al doppio.

 

Per i titolari di imprese ed i responsabili di Enti che abbandonano rifiuti è prevista la pena dell’arresto e/o dell’ammenda fino a 26.000 €

Inquinamento ambientale e disastro ambientale in area protetta o vincolata, maggiori precisazioni Art. 452-bis D.Lgs. 152/2006 così come modificato: Quando l’inquinamento è prodotto in un’area naturale protetta o sottoposta a vincolo paesaggistico, ambientale, storico, artistico, architettonico o archeologico, ovvero in danno di specie animali o vegetali protette, la pena e’ aumentata da un terzo alla meta’. Nel caso in cui l’inquinamento causi deterioramento, compromissione o distruzione di un habitat all’interno di un’area naturale protetta o sottoposta a vincolo paesaggistico, ambientale, storico, artistico, architettonico o archeologico, la pena è aumentata da un terzo a due terzi
Art. 452-quater D.Lgs. 152/2006 così come modificato: Quando il disastro è prodotto in un’area naturale protetta o sottoposta a vincolo paesaggistico, ambientale, storico, artistico, architettonico o archeologico, ovvero in danno di specie animali o vegetali protette, la pena e’ aumentata da un terzo alla metà
Incendio boschivo di cui all’art. 423 bis del codice penale Incendio doloso: sanzione con la reclusione da sei a dieci anni

Incendio colposo: sanzione con la reclusione da due a cinque anni

Estensione della “confisca in casi particolare” Confisca di beni dei soggetti condannati a nuovi reati ambientali tra i quali rientrano il traffico illecito di rifiuti e traffico di materiale radioattivo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link alla legge 9 Ottobre 2023

Ambiente & Rifiuti - Consulenza Tecnica per la gestione dei Vostri Rifiuti
ti potrebbero interessare...

ARTICOLI RECENTI

RENTRI – Versione Demo accessibile a tutti

Il Ministero dell’Ambiente rilascia la nuova versione DEMO del RENTRI in preparazione dell’effettivo avvio del nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti. Abbiamo testato la Demo RENTRI.

CATEGORIE

gestione rifiuti novità normative in evidenza tutte le categorie